Per avere il gas a casa è necessario allacciarsi alla rete, quindi collegare il tuo impianto domestico alla nostra rete di distribuzione: per farlo devi fare richiesta alla tua società di vendita.
L’allacciamento degli impianti domestici alla rete di distribuzione coinvolge diversi attori, ciascuno responsabile di un piccolo pezzo del processo. Vediamoli:
Per avere il gas, devi richiedere l’allacciamento e per farlo devi prima avere un contratto attivo con una società di vendita gas.

 

Allacciarsi alla rete richiede pochi passaggi, ma fondamentali, tutti coordinati dalla tua società di vendita, affinché tu possa avere il gas nel modo più semplice e veloce. Se invece desideri solamente allacciare il tuo impianto alla rete, ma non attivare il servizio di fornitura gas, leggi direttamente il punto n° 3. 

Primo passo: avere un impianto domestico a norma

Come prima cosa, per allacciarsi alla rete, è necessario avere un impianto domestico a norma, realizzato da una società installatrice regolarmente iscritta alla Camera di Commercio e abilitata ai sensi del Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico e del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare 22 gennaio 2008, n. 37.

Secondo passo: scegliere la società di vendita

Una volta realizzato l’impianto è necessario scegliere la società di vendita che meglio risponde alle tue esigenze e al tuo budget. Tutti noi infatti, in qualità di consumatori di gas naturale, possiamo scegliere il nostro fornitore sul libero mercato: l’Autorità promuove lo sviluppo della concorrenza nell’attività di vendita.

Terzo passo: richiedere l'allacciamento

Una volta scelta la tua società di vendita (se desideri avere il gas) o dopo averci contattato (qualora la tua necessità sia solo avere il tuo impianto allacciato alla rete, ma senza fornitura di gas), è possibile attivare le pratiche per l’allacciamento. La tua società di vendita o, nel secondo caso, noi direttamente, ti invieremo l’informativa sulla procedura di accertamento e di attivazione della fornitura e alcuni documenti da compilare e rinviare, quali:

  • Allegato H/40 – Conferma della richiesta di attivazione/riattivazione della fornitura di gas;
  • Allegato I/40 – Attestazione di corretta esecuzione dell’impianto;

Insieme a questi allegati ti verrà richiesto di trasmettere anche la documentazione rilasciata dall’installatore (gli allegati obbligatori alla dichiarazione di conformità).

Attenzione: verifica che i due allegati (H/40 e I/40 presentino la stessa data).

Invia la documentazione a: Metano Sant’Angelo Lodigiano S.p.A.: via Morzenti, 22/A – 26866 Sant’Angelo Lodigiano (LO).

Tutta la documentazione inviata verrà poi controllata e solo in caso di accertamento positivo, potremo attivare la fornitura. In caso di esito negativo, dovrai richiedere al tuo installatore di sistemare quanto ritenuto non conforme e alla tua società di vendita di presentare una nuova richiesta.

In caso di documentazione incompleta, invieremo a te e alla tua società di vendita, una comunicazione scritta in cui indicheremo la parte di documentazione mancante e ti chiederemo di inviarcela entro i successivi 30 giorni lavorativi. 

 

Il Cliente finale è tenuto a conservare una copia di tutta la documentazione inviata, da esibire nel caso di successiva verifica in loco del suo impianto da parte dei tecnici incaricati dal Comune.

 

Quarto passo: il giorno dell'allacciamento

Una volta concordato l’appuntamento, il giorno fissato si presenterà a casa tua un tecnico nostro o di una società da noi incaricata che procederà con l’allacciamento del tuo impianto alla nostra rete di distribuzione, lavorando sul tuo contatore. Siamo infatti noi, come società di distribuzione, e i nostri incaricati gli unici autorizzati a lavorare sul tuo contatore.

Gli operatori che si presenteranno a casa tua il giorno dell’appuntamento saranno riconoscibili grazie a un tesserino di riconoscimento con fotografia e con l’indicazione che opera in nome e per conto di Italgas Reti o altra società del gruppo.

 

I tecnici non sono autorizzati a richiedere soldi per il loro intervento. Il costo ti verrà addebitato nella tua prima bolletta

 

Quinto passo: cosa succede dopo

Una volta allacciato il gas e installato il contatore ti consegneremo un codice esclusivo di 14 cifre, che identifica noi, quindi l’azienda che distribuisce il gas, e te, utente. Questo codice numerico si chiama PDR, Punto di Riconsegna, ed è utile per:

  • identificare l'utenza del gas;
  • conoscere l'esatta posizione geografica del contatore, punto in cui il gas viene consegnato dal fornitore di gas e prelevato dal cliente.

Ti consigliamo di conservare questo PDR perché può essere richiesto dal fornitore del gas per effettuare eventuali operazioni.

Il PDR è un dato sempre riportato anche nella prima pagina della bolletta gas che ti invia la società di vendita.

La tua società di vendita rimane il tuo interlocutore principale anche quando desideri:
  • disattivare la fornitura del gas;
  • modificare il nominativo intestatario della bolletta (volture);
  • cambiare il fornitore di gas (d. switching);
  • avere chiarimenti su bollette e fatture;

Il suo recapito è presente sulla bolletta.

ultimo aggiornamento 12 October 2018 12:12 UTC