Il servizio di distribuzione consiste nel trasporto del gas attraverso reti di gasdotti locali, dai punti di consegna presso le cabine di riduzione e misura interconnesse con le reti di trasporto (“city-gates”) fino ai punti di riconsegna (PdR) presso i consumatori finali (famiglie e imprese), indipendentemente dalla società di vendita prescelta.

 

Metano Sant’Angelo Lodigiano distribuisce gas naturale avvalendosi di un sistema integrato di infrastrutture, principalmente di proprietà, composto da:

  • Reti di distribuzione: 110 km di tubazioni nelle provincie di Lodi e di Pavia
  • Cabine di prelievo: impianti che connettono le reti di distribuzione locali alla rete nazionale dei metanodotti (o gasdotti)
  • Impianti di riduzione della pressione: dispositivi il cui scopo è portare la pressione del gas al giusto livello in relazione al tipo di utilizzo.
  • Centro di supervisione
  • Impianti di derivazione d’utenza
  • Punti di riconsegna e misuratori: punti al confine tra l’impianto di distribuzione del gas e l’impianto interno di competenza del cliente finale. Nei punti di riconsegna sono installati i contatori (o misuratori) del gas.

REGOLAZIONE

Come viene affidato il servizio di distribuzione del gas?

L’attività di distribuzione gas è stata tradizionalmente svolta in regime di concessione: in passato veniva assegnata ai comuni tramite trattativa diretta, poi dal 2000, attraverso il D.lgs del 23 maggio 2000 n. 164 (Decreto Letta), è stato stabilito che poteva essere assegnata solo tramite gara e per una durata massima di 12 anni. 

A partire poi dal 2007, per attuare le precedenti disposizioni, vengono prima stabiliti gli ambiti territoriali minimi (ATEM) e poi i criteri di gara per la valutazione dell'offerta. Nel corso del 2015 sono stati emanati i primi bandi di gara per l’assegnazione del servizio di distribuzione gas a livello di ATEM, dando finalmente il via all’iter che sta trasformando radicalmente il mercato nazionale della distribuzione del gas.

Il distributore che si aggiudica la gara è il concessionario unico del servizio per l’insieme di Comuni che ricadono nell’ATEM.

In tale scenario, come Metano S. Angelo Lodigiano, operiamo sul territorio facendo leva su qualità del servizio, sicurezza, efficienza interna, valorizzazione del patrimonio aziendale. 

In un’ottica di efficienza, come Gruppo Italgas stiamo portando avanti progetti di innovazione tecnologica, che si collocano nel contesto del Piano nazionale Industria 4.0 predisposto dal Ministero dello Sviluppo Economico.

 

Per riuscire a indirizzare efficacemente le risorse di manutenzione là dove è effettivamente richiesto, Italgas ha identificato alcuni settori d’intervento specifici, come la digitalizzazione delle reti gas, il monitoraggio delle pressioni e principalmente la progressiva sostituzione dei contatori del gas in funzione presso gli utenti finali con apparecchi di nuova generazione (smart meter).

Parallelamente allo sviluppo di progetti di innovazione tecnologica e alla sostituzione dei contatori del gas, nella nostra attività quotidiana ispezioniamo decine di migliaia di chilometri di condotte per garantirne l’efficienza, in termini di continuità e sicurezza del servizio.

 

Svolgiamo l’attività di ricerca programmata delle dispersioni, necessaria per evitare fuoriuscite di gas dall’impianto di distribuzione e per programmare gli interventi di manutenzione e riqualificazione. Nella ricerca programmata delle dispersioni, oltre ai tradizionali apparecchi a ionizzazione di fiamma o a semiconduttore, utilizziamo strumentazioni evolute come i rilevatori laser che permettono di ottenere una migliore selettività, risoluzione e capacità di intervento.

ultimo aggiornamento Fri Oct 12 11:28:48 UTC 2018