Oggi, grazie al recente sviluppo di moderne tecnologie, è possibile produrre gas metano a partire da scarti biologici e immetterlo nella rete distributiva, dopo opportuni trattamenti. Questo viene chiamato biometano, miscela composta principalmente da metano.

Il gas prodotto da fonti rinnovabili come il biometano, utilizzato nelle infrastrutture già esistenti, ha un ruolo chiave nell'abbattimento delle emissioni in Europa entro il 2050. Secondo il Consorzio Gas for Climate, il Consorzio Italiano Biogas e l’European Biogas Association si può arrivare, su base annua, a una produzione di oltre 120 miliardi di metri cubi con un risparmio di circa 140 miliardi di euro.

 

Da scarti biodegradabili al biometano

Per approfondimenti visita la pagina “Il nostro futuro energetico”

 
Chiunque abbia un impianto di biometano ha la possibilità di richiedere l’allacciamento alla rete di trasporto o alla nostra rete di distribuzione.

Allo stesso tempo noi, in qualità di gestori della rete di distribuzione, siamo obbligati a connettere chi ne fa richiesta, senza discriminazioni, purché l’immissione nel sistema di distribuzione del gas naturale avvenga senza porre problemi di ordine tecnico o di sicurezza.

Ci impegniamo ad offrire ai produttori di biometano la massima trasparenza facilitando l’accesso alle nostre reti, nel rispetto della qualità e sicurezza del servizio.

Il biometano, affinché possa essere immesso in rete, deve avere determinate caratteristiche chimiche e fisiche, tra cui qualità, pressione e odorizzazione, fissate dalla legislazione europea, nazionale e dalle norme tecniche di riferimento applicabili.

Il biometano immesso in rete può anche essere utilizzato specificamente come combustibile per autotrazione. In tal caso il GSE rilascia dei Certificati di Immissione in Consumo (CIC); altrimenti, se il produttore non ha stipulato contratti di cessione con gestori di impianti di distribuzione di carburanti per autotrasporto, il biometano viene ritirato dal GSE presso il punto di consegna dell’impianto sulle reti con obbligo di connessione a terzi (al 95% del prezzo di mercato del gas naturale, più 365 euro per ogni CIC). Lo stesso GSE cede il biometano al Punto di Scambio Virtuale (PSV), tramite procedure d’asta.

 

Scopri come richiedere l'allacciamento

Box regolazione

La connessione degli impianti di biometano alla rete di distribuzione è regolata dalla Delibera 46/2015/R/GAS “Direttive per le connessioni impianti di biometano alle reti del gas naturale e disposizioni in materia di determinazione delle quantità di biometano ammissibili agli incentivi”.

Delibera 46/2015/R/GAS >>

Decreto 2 marzo 2018

File PDF 307 Kb

Scarica documento

ultimo aggiornamento 27 November 2018 04:42 UTC